Panes Content Table
26 settembre 2016
Chianti classico alla prova dell'Unesco

Al via l'operazione Patrimonio dell'Umanità. Il Chianti Classico si candida all'Unesco ed ha buone probabilità di avere successo. Sarebbe un bel riconoscimento all'Italia. 

Il sogno di diventare patrimonio dell’umanità Unesco è ormai avviato. Il Chianti Classico si mette in gioco e formalizza la sua candidatura. L’annuncio è di ieri ed è stato formalizzato nel corso dei festeggiamenti al Teatro dell'Opera di Firenze. 

Negli ultimi cinque anni il Chianti classico ha segnato una crescita complessiva del 35% nelle vendite a livello globale. Sul fronte dei mercati gli Stati Uniti si confermano il primo mercato, assorbendo circa il 31% delle vendite totali, seguiti dall'Italia al 20%, dalla Germania con il 12%, dal Canada con il 10%, da Regno Unito con il 5%, dai Paesi Scandinavi, Svizzera e Giappone al 4%, da Benelux, Cina e Hong Kong al 3%, e infine dalla Russia con l'1%. Il consorzio del Gallo nero si appresta inoltre a siglare un importante accordo di collaborazione con un'altro territorio di elezione per la viticoltura: lo Champagne.

photo credit to travelingintuscany.com

Autore: Redazione,
UCI Unione Coltivatori Italiani Via in Lucina, 10 00186 ROMA   P.iva: 05630521002  Telefono: 06 6871043  Fax: 06 6872559  Email: info@uci.it