Panes Content Table
11 dicembre 2015
Export, l'Italia punta sull'America

Il sistema Italia investe su se stesso e punta forte sul mercato nord americano, ricco e ancora da "aggredire" in maniera decisa. Palazzo Chigi e Ministero dell'economia in prima linea. 

Importante l’investimento italiano per promuovere l’agroalimentare sul mercato americano. Palazzo Chigi, insieme al ministero dello Sviluppo economico, prevede accordi con la grande distribuzione organizzata statunitense con l`obiettivo di portare nuovi brand italiani sugli scaffali di oltre 1.000 punti vendita.

Il programma d’investimento prevede la presenza alle fiere e agli eventi più significativi di settore, a partire da Fmi Connect di Chicago e la Winter Fancy Food di San Francisco.

Viene lanciata una nuova campagna di comunicazione multicanale con l'obiettivo di aiutare il consumatore americano a conoscere e riconoscere il vero cibo italiano. Data la vastità del territorio e l’ampiezza della popolazione si procederà per gradi.

"Per massimizzare l`impatto degli investimenti previsti su un mercato così ampio - spiega il ministero dello Sviluppo - si è scelto di puntare, nella fase iniziale della campagna, su quattro stati: New York, California, Texas e Illinois".

"L`industria agroalimentare – ha detto il viceministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda - rappresenta la seconda manifattura del paese (dopo quella metalmeccanica) il cui fatturato deriva per il 30% dall`export. Per questo il Governo ha stanziato una somma mai investita prima, 50 milioni di euro, per adottare una strategia integrata d`attacco e sfruttare al massimo tutte le opportunità che derivano da un mercato, come quello americano, che ha ancora molti margini di crescita".

Autore: Redazione,
UCI Unione Coltivatori Italiani Via in Lucina, 10 00186 ROMA   P.iva: 05630521002  Telefono: 06 6871043  Fax: 06 6872559  Email: info@uci.it