Elenco Categorie Alimentazione
18 settembre 2020
Raccolta del riso, segnali incoraggianti

La qualità sembra buona, mentre è presto per analizzare la quantità. Le scorte, consumate nel lockdown, non vanno ad appesantire la raccolta, anche se nel settore c’è tanta incertezza.

La raccolta del riso è appena partita e le prospettive sono incoraggianti. Lo stato di salute del prodotto sembra buono mentre grazie a un discreto smaltimento delle scorte non avremo problemi allo stoccaggio del prodotto.

Le previsioni indicano l’arrivo di una settimana di piogge e questo potrebbe far slittare ulteriormente la raccolta. La Lomellina è probabilmente la zona in cui la raccolta sta procedendo più spedita mentre nelle zone di Novara e Vercelli sono stati raccolti solo dei fazzoletti di terra. Come avviene in molti altri settori, le semine sono sempre più spostate in avanti. Inizialmente in aprile, oggi si arriva quasi a fine maggio.

Il male del settore, però, è conosciuto; le oscillazioni di prezzo da un anno all’altro. Il mercato dell’Indica si presenta stazionario mentre quello del Lungo A parboiled è ancora in sofferenza. E l’effetto trascinamento del mercato di agosto non è troppo efficace.

E un’altra questione con la quale la risicoltura deve fare i conti è la carenza di molecole per la difesa, la cui produzione è lunga e costosa. Per questo le aziende non sono interessate a investire in questo settore.

Ma c’è anche un dato certamente positivo; le riserve, che sono state consumate nel lockdown non vanno ad appesantire la campagna risicola 2020-2021

AUTORE: Redazione,
NEWSLETTER
Iscriviti al servizio di Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sugli eventi di UCI.

   
UCI Unione Coltivatori Italiani Via in Lucina, 10 00186 ROMA   P.IVA: 05630521002  Telefono: 06 6871043  E-mail: info@uci.it  PEC: uci@arubapec.it