Elenco Categorie Società
12 aprile 2021
Commercio al dettaglio, continua il momento negativo

Le misure restrittive contribuiscono a creare un quadro di crisi che per parecchie imprese che operano nella distribuzione non alimentare rischia di essere decisivo

Continua, purtroppo, lo stato di crisi per il commercio al dettaglio. Istat, con i dati relativi alle vendite di febbraio, lo certifica. Flessione complessiva del –5,7% e, per le vendite non alimentari, un nuovo calo del –6,0%.

Le misure restrittive che, a fasi alterne, accompagnano da inizio anno tutto il territorio nazionale, contribuiscono a creare un quadro di crisi che per parecchie imprese che operano nella distribuzione non alimentare rischia di essere decisivo, annullando qualunque prospettiva di ripresa.

L’analisi da fare è articolata, ma si potrebbero individuare alcuni punti cardine; gli effetti della situazione contingente sul conto economico e sulla liquidità delle aziende, il perdurare di una crisi strutturale dei consumi, presente da diversi anni e che la pandemia ha severamente accentuato. Ecco perché – per Federdistribuzione – è indispensabile “legare le iniziative di sostegno alle imprese, pur necessarie, ad un pressante piano di rilancio dei consumi con una visione di ampio respiro che dia una nuova prospettiva alle imprese”.

Ma non è tutto, un certo trend negativo si registra anche sul versante delle vendite alimentari: dopo il -5,5% rilevato dall’Istat a febbraio, a marzo ci sono segnali deboli, a rete costante si registra un +0,4% sostanzialmente piatto.

AUTORE: Redazione,
NEWSLETTER
Iscriviti al servizio di Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sugli eventi di UCI.

   
UCI Unione Coltivatori Italiani Via in Lucina, 10 00186 ROMA   P.IVA: 05630521002  Telefono: 06 6871043  E-mail: info@uci.it  PEC: uci@arubapec.it