Elenco Categorie Dal Territorio
06 maggio 2021
Salento, mandorli e drupacee al posto degli ulivi distrutti dalla Xylella

La soluzione, destinata a cambiare il paesaggio e una certa parte delle abitudini produttive, sta per essere autorizzata in deroga grazie alla richiesta presentata dalla Regione Puglia. 

La regione Puglia ha provveduto a chiedere all’Osservatorio Fitosanitario Nazionale la possibilità di impiantare mandorlo e ciliegio, in regime di deroga al Regolamento comunitario che vieta di piantare in zone infette da xylella.

In realtà l’occasione sarebbe estesa anche ai citrus e prunus, proprio per voltare pagina e far ripartire una nuova dimensione produttiva salentina, ormai terra deturpata dal micidiale batterio.

A breve, dunque, i produttori di aziende agricole ricadenti nell’area infestata da Xylella Phastidiosa potranno chiedere autorizzazione ad impiantare nuove specie arboree. La scelta è ricaduta su quelle che, nel corso del tempo, si sono rivelate maggiormente resistenti al contagio, sulla base degli studi condotti negli ultimi due anni. Si tratta di pesco, mandorlo, albicocco, susino e gli agrumi.  

AUTORE: Redazione,
NEWSLETTER
Iscriviti al servizio di Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sugli eventi di UCI.

   
UCI Unione Coltivatori Italiani Via in Lucina, 10 00186 ROMA   P.IVA: 05630521002  Telefono: 06 6871043  E-mail: info@uci.it  PEC: uci@arubapec.it